salta il sommario e vai al menu principale Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:
salta i contenuti e vai al menu di approfondimento
XVIII BIENNALE DONNA

Attraversare l’immagine
Donne e fotografia tra gli anni ’50 e gli anni ’80
Ferrara, Palazzina Marfisa d’Este, 20 settembre – 22 novembre 2020

Paola Agosti — Diane Arbus — Letizia Battaglia — Giovanna Borgese — Lisetta Carmi — Carla Cerati — Françoise Demulder — Mari Mahr — Lori Sammartino — Chiara Samugheo — Leena Saraste — Francesca Woodman — Petra Wunderlich

Biennale Donna

Attraversare l’immagine. Donne e fotografia tra gli anni ’50 e gli anni ’80
è dedicata a 13 fotografe, italiane e internazionali, che hanno operato in ambito sociale, focalizzando la loro attenzione su temi fondanti quali il lavoro, la tradizione popolare, la politica, la guerra, l’architettura, la letteratura, la cultura in senso lato. Quello preso in esame è un lungo periodo di impegno politico, sociale, portante nella storia del Novecento, un secolo che ha segnato grandi mutamenti dei quali le donne sono state protagoniste. La selezione delle fotografie in mostra parte, cronologicamente, da alcune ricerche a sfondo antropologico della fine degli anni Cinquanta per giungere agli anni Sessanta, che hanno segnato un cambiamento radicale della cultura e della società, il raggiungimento di libertà individuali e di conquiste democratiche. Raggiungimenti che gli anni Settanta avrebbero estremizzato, animando, sullo sfondo di drammatici conflitti, il rapporto tra politica e cultura. Gli Ottanta, almeno nel nostro Paese, hanno costituito il momento del riflusso. Le grandi battaglie condotte per i diritti civili, per l’emancipazione di alcune classi sociali, delle donne, degli emarginati sono defluite verso modi diversi di avvertire l’esistenza, soppiantando le pratiche collettive, delle quali l’arte, la fotografia si erano rese interpreti, a favore della dimensione individuale.
L’esposizione racconta anche mondi lontani, dalla Palestina al Sudafrica, dalla Cambogia agli Stati Uniti, attraverso reportage di guerra e testimonianze della quotidianità che registrano i grandi eventi storici e politici del periodo tra anni ’70 e ’80.
Attraversare l’immagine ripercorre questa lunga storia attraverso opere ormai riconosciute e acclamate e altre che, invece, non hanno ottenuto la corretta visibilità o la giusta comprensione e, per certi versi, sono state dimenticate. Cerchiamo qui di rileggerle sotto una luce diversa, più strutturata, tenendo conto del ruolo che queste fotografie hanno avuto all’interno della società civile. Un ruolo, più o meno conscio, che oggi iniziamo a guardare con i giusti strumenti per attribuire loro un senso diverso, alla luce della storia, della memoria, di quanto sta avvenendo giorno dopo giorno.

La mostra è organizzata dal Comitato Biennale Donna dell’UDI (composto da Lola G. Bonora, Silvia Cirelli, Ada Patrizia Fiorillo, Catalina Golban, Elisa Leonini, Anna Quarzi, Ansalda Siroli, Dida Spano, Liviana Zagagnoni) e dal Servizio Musei d’Arte del Comune di Ferrara in collaborazione con la Fondazione Ferrara Arte, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e il patrocinio del Ministero per i Beni Culturali, Arte e Turismo.

Medaglia del Presidente della Repubblica
Con il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo
Mostra realizzata grazie al sostegno di Assicoop, Coop Alleanza 3.0 e Copma

In occasione dell’esposizione sarà pubblicato un catalogo bilingue italiano e inglese con testi di Angela Madesani e di Francesca Pasini.

Scarica il comunicato stampa 

Biennale Donna


 
Attraversare l’immagine
Donne e fotografia tra gli anni ’50 e gli anni ’80
 
A cura di
Angela Madesani

Sede
Palazzina Marfisa d’Este
Corso Giovecca 170, Ferrara

Date
20 settembre – 22 novembre 2020

Orari
9.30 – 13.00 / 15.00 – 18.00 | Chiuso il lunedì
 
Informazioni
0532 244949
diamanti@comune.fe.it
www.artemoderna.comune.fe.it

Indicazioni per una visita in sicurezza

Prenotazioni
prenotazionemusei.comune.fe.it

Tariffe

  • intero € 4,00
  • ridotto € 2,00
    maggiori di 65 anni; studenti universitari con tessera d’iscrizione ad un corso universitario; giovani dai 18 ai 30 anni titolari della YoungERcard; componenti di gruppi di almeno 15 persone; possessori del biglietto delle mostre della Fondazione Ferrara Arte; soci o tesserati di: Touring, Arci, Endas, Aics, Acli, Auser, Ibo, Uisp, Italia Nostra, Fai, Cgil nazionale, Etsi-Csl Ente Turistico Sociale Italiano, Uil Emilia-Romagna, Avis, Unpli, Cna Pensionati, Centro Turistico Giovanile, Ente Palio di Ferrara, Anmil Nazionale; insegnanti di primo e secondo grado con tesserino; espositori e partecipanti alle manifestazioni organizzate da Ferrara Fiere e Congressi; tesserati Icom
  • gratuito
    scuole; minori di 18 anni; disabili con accompagnatori; giornalisti e guide turistiche con tesserino; studenti Unife al primo anno; accesso gratuito il giorno del proprio compleanno
  • “Omaggio Eroi in corsia”, viene previsto l'ingresso gratuito ai musei civici del personale sanitario (medici, infermieri e OSS) operante nei reparti Covid-19 degli ospedali d’Italia, dietro presentazione presso le biglietterie di autodichiarazione ai sensi della vigente normativa attestante i propri dati anagrafici e lo svolgimento del servizio presso la specifica struttura sanitaria in reparto Covid-19

 

UDI – Unione Donne in Italia
0532 206233
udi@udiferrara.it
www.biennaledonna.it

Ufficio stampa
Sara Zolla
346 8457982
press@sarazolla.it

Mari Mahr, Lili Brik, 1982. Courtesy Mari Mahr
Leena Saraste, Tendopoli per rifugiati. Set Zaynab, Siria, 1982. Courtesy Leena Saraste
Paola Agosti, Sud Africa, Cape Town, Cross Road, aprile 1983 © Paola Agosti
Lisetta Carmi, Porto di Genova, 1964. Archivio Lisetta Carmi © Lisetta Carmi. Courtesy Martini & Ronchetti
Letizia Battaglia, La bambina e il pane, quartiere La Kalsa, Palermo, 1979 © 2020 Letizia Battaglia
salta le info generali e torna al sommario

Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea

Palazzo Massari - Corso Porta Mare 9, 44121 Ferrara
tel +39 0532 244949