salta il sommario e vai al menu principale Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:
sei in: home > Palazzo Massari > Padiglione d’Arte Contemporanea > La città del silenzio. Artisti ferraresi per Antonioni
salta i contenuti e vai al menu di approfondimento
La città del silenzio. Artisti ferraresi per Antonioni

Ferrara, Padiglione d'Arte Contemporanea | 10 giugno – 10 luglio 2022


La città del silenzio
 

Ferrara e i suoi artisti rendono omaggio a Michelangelo Antonioni con la mostra La città del silenzio. Artisti ferraresi per Antonioni.  
Curata da Andrea Forlani, Tiziana Giuberti, Stefano Tassi e Paolo Volta ed organizzata dal Comune di Ferrara – Servizio Musei d’Arte e dalla Fondazione Ferrara Arte, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, l’esposizione sarà visitabile dal 10 giugno al 10 luglio 2022 al Padiglione d’Arte Contemporanea

In occasione dei centodieci anni dalla nascita di Michelangelo Antonioni (Ferrara 1912 – Roma 2007), sessantadue artisti di diverse generazioni, attivi a Ferrara e nel suo territorio, sono stati chiamati a celebrare la poliedrica figura del celebre regista. Il titolo stesso della mostra, che si svolge nelle sale che ospiteranno il museo a lui dedicato, lo “Spazio Antonioni” – nel quale saranno esposti i materiali appartenenti al suo archivio personale confluiti nel 1997 nel patrimonio delle collezioni civiche – allude alla prima de Le città del silenzio, così come volle chiamare Ferrara Gabriele d’Annunzio, a suo modo indicando una condizione che proprio Antonioni avrebbe declinato verso “l’incomunicabilità”. 

Gli artisti si sono cimentati nell’avvincente, quanto difficile, impresa di concepire un’opera che avesse come motivo ispiratore la poetica di Antonioni, la forma e i contenuti del suo cinema, la sua ricerca pittorica, nonché la sua stessa vicenda biografica. Le molteplici suggestioni che l’arte del grande maestro è in grado di offrire sono state interpretate, tradotte e restituite dagli autori attraverso la pittura e la scultura, la fotografia e il video, l’installazione e la performance. Ogni lavoro, dal più tradizionale al più sperimentale, indica una significativa continuità e una viva persistenza della visione di Antonioni, intimamente segnata dal ricordo di Ferrara. 
«Alcuni artisti – spiegano i curatori – si sono ispirati ai suoi film più noti (Il gridoIl deserto rossoAl di là delle nuvoleBlow UpZabriskie Point), altri hanno approfondito i vuoti, il concetto di incomunicabilità, i paesaggi brumosi e gli animi della prima “città del silenzio”». «Il progetto – precisano – nasce dall’esigenza di dar vita a una nuova “officina ferrarese”, con l’intento di stabilire da un lato una collaborazione tra artisti affermati ed emergenti e dall’altro offrire al pubblico uno spaccato sulle tendenze dell’arte contemporanea».


 
Ordina il catalogo della mostra 


Dj set e performance
Venerdì 24 giugno dalle 21 alle 23.30

21.00: a-volte-si-fissa-un-punto, performance site specific di Elisa Mucchi
21.30: serata con i dischi più amati da Michelangelo Antonioni, selezionati da dj France, e alcune letture dei documenti del regista (Archivio MichelangeloAntonioni), a cura di Gianantonio Martinoni e Marco Gulinelli.
In occasione dell'iniziativa la mostra La città del silenzio al Padiglione d'Arte Contemporanea rimarrà aperta, oltre al suo orario consueto 10-18, anche dalle 21 alle 23.30 con ingresso gratuito

Orari di apertura
Dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00

Prenotazioni singoli visitatori e gruppi
https://www.comune.fe.it/prenotazionemusei

oppure
 
Ufficio Informazioni e Prenotazioni Ferrara Mostre e Musei    
tel 0532 244949 
(con orario lunedì-venerdì 9 – 13; martedì e giovedì pomeriggio 15 – 17; chiuso sabato e festivi)

La prenotazione è consigliata ed è gratuita


 
Informazioni
artemoderna.comune.fe.it
diamanti@comune.fe.it
 
Ufficio stampa
Anja Rossi
340 4190867
comunicazione.ferrararte@comune.fe.it
 
 Tariffe

  • intero € 5,00
  • ridotto € 3,00; maggiori di 65 anni; gruppi (minimo 15, massimo 25 persone, accompagnatori e guide inclusi); studenti universitari con tessera d’iscrizione ad un corso universitario; giovani dai 14 ai 29 anni titolari della YoungERcard; possessori del biglietto intero o ridotto delle mostre della Fondazione Ferrara Arte; soci o tesserati di Touring, Arci, Endas, Aics, Acli, Auser, Ibo, Uisp, Italia Nostra, Fai, Cgil nazionale, Etsi-Csl Ente Turistico Sociale Italiano, Uil Emilia-Romagna, Avis, Unpli, Cna Pensionati, Centro Turistico Giovanile, Ente Palio di Ferrara, Anmil Nazionale, ANPI, Gruppo Locale Mons. F. Franceschi, ICOM; insegnanti di primo e secondo grado che mostrino il tesserino di riconoscimento; espositori e partecipanti alle manifestazioni organizzate da Ferrara Fiere e Congressi
  • gratuito; minori di anni 18; i visitatori che accedono ai Musei nel giorno del loro compleanno o, in caso di chiusura, nel primo giorno di apertura successivo; guide turistiche con tesserino di riconoscimento; gruppi scolastici di scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado con i relativi docenti accompagnatori; persone diversamente abili e loro accompagnatori; giornalisti e pubblicisti con tessera; possessorei della MyFE Card; iscritti al primo anno dei corsi dell’Università di Ferrara che esibiscono il titolo di accesso. Per gli iscritti all’anno accademico 2021/2022 la validità dell’agevolazione è sino al 31.12.2022

Il Padiglione d'Arte Contemporanea è accessibile ai diversamente abili 

 
salta le info generali e torna al sommario

Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea

Palazzo Massari - Corso Porta Mare 9, 44121 Ferrara
tel +39 0532 244949