salta il sommario e vai al menu principale Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:
I musei sono chiusi per lavori di restauro. Una selezione delle opere è esposta al Castello Estense

I musei sono chiusi per lavori di restauro. Una selezione delle opere è esposta al Castello Estense

sei in: home > Le collezioni
salta i contenuti e vai al menu di approfondimento
Le collezioni

Le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara custodiscono un patrimonio di opere d’arte degli ultimi due secoli che permette di disegnare un affresco della cultura figurativa della città e dei suoi legami con il contesto nazionale e internazionale.

Il terremoto del maggio 2012 che ha reso inagibile Palazzo Massari, l’edificio tardo-cinquecentesco sede delle collezioni, e ne ha imposto il disallestimento, è il capitolo più recente di una storia che ha avuto inizio nel 1836, con la fondazione della Pinacoteca civica. Questa istituzione, ospitata dal 1842 assieme al Civico Ateneo a Palazzo dei Diamanti, riuniva le raccolte d’arte antica e la quadreria moderna secondo un progetto di matrice illuminista e neoclassica, ispirato all’esigenza di tutelare le opere d’arte e di renderle accessibili a fini educativi e culturali. Nel corso del secolo, il rifiorito orgoglio municipale si riflette tanto nella produzione degli artisti quanto nella politica di acquisizioni e nei lasciti delle opere “moderne”, in cui ricorrono i temi legati al passato estense accanto ad altri fortunati generi ottocenteschi quali il ritratto e i temi sacri, come rivelano ad esempio i dipinti di Gaetano Turchi e Giovanni Pagliarini. Con il Novecento, la lenta apertura verso le novità introdotte dall’impressionismo e dal simbolismo favorisce l’ingresso nelle collezioni delle opere di artisti delle ultime generazioni, come Previati, Mentessi, Pisa e, in particolare, Boldini. Nel 1935, grazie al lascito della vedova, viene istituito infatti il primo nucleo del museo dedicato al celebrato ritrattista. Quanto all’arte del Novecento, è soprattutto dopo la seconda guerra mondiale che, tramite acquisizioni e lasciti, si costituisce un’importante raccolta di opere di Funi, Melli e di De Pisis. A quest’ultimo, in particolare, vengono intitolate le collezioni del XX secolo dopo la donazione dei capolavori della collezione Malabotta.

Nel frattempo, nel 1958 le collezioni d’arte antica e moderna vengono separate: le prime diventano di pertinenza statale, mentre le seconde, dopo alterne vicende, trovano collocazione a Palazzo Massari. È qui che tra il 1996 e il 1998 ha luogo il riallestimento del Museo dell’Ottocento, del Museo Giovanni Boldini e del Museo d’Arte Moderna e Contemporanea “Filippo de Pisis”, con l’ordinamento che si è conservato fino a maggio 2012.

salta le info generali e torna al sommario

Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea

Palazzo Massari - Corso Porta Mare 9, 44121 Ferrara
tel +39 0532 244949